#greci Instagram Photos & Videos

greci - 11.6k posts

    Estia per i greci, Vesta per i romani.
Dea che aveva il compito di mantenere sempre vivo il Fuoco della Conoscenza, anche come passaggio di testimone da donna a donna e da madre in figlia, per questo conosciuta anche come divinità del focolare domestico. Le giovani che andavano in sposa, ricevevano dalla propria madre i tizzoni ardenti del focolare , per portarli nella casa del loro futuro marito, questo passaggio determinava una nuova 
famiglia che riceveva tutta la tradizione del clan.
Nei templi dedicati ad Estia/Vesta , le vestali o sacerdotesse avevano il sacro compito di mantenere sempre acceso il "Fuoco". #estia #vesta #divinita #greci #romani #dea #femminino #femmininosacro #luce #fuoco #focolare #donnadivina #magia #magic #loveyourmind

    Estia per i greci, Vesta per i romani.
    Dea che aveva il compito di mantenere sempre vivo il Fuoco della Conoscenza, anche come passaggio di testimone da donna a donna e da madre in figlia, per questo conosciuta anche come divinità del focolare domestico. Le giovani che andavano in sposa, ricevevano dalla propria madre i tizzoni ardenti del focolare , per portarli nella casa del loro futuro marito, questo passaggio determinava una nuova
    famiglia che riceveva tutta la tradizione del clan.
    Nei templi dedicati ad Estia/Vesta , le vestali o sacerdotesse avevano il sacro compito di mantenere sempre acceso il "Fuoco". #estia #vesta #divinita #greci #romani #dea #femminino #femmininosacro #luce #fuoco #focolare #donnadivina #magia #magic #loveyourmind

    8 0 17 June, 2019
    TITOLO DAL POST: Il Sole di Rodi
TEMA DEL POST: La 6° meraviglia, il Colosso di Rodi. 
TEMPO DI LETTURA: 1m 20s
__________
🏛️ Se si parla di grandi opere che sono divenute emblema di civiltà e di intere epoche, non si può non citare il Colosso di Rodi, un capolavoro annoverato anche tra le 7 meraviglie del mondo antico.
🏛️ La sua storia cominciò più di 2.000 anni fa, più precisamente nell'anno 305 a.C quando il successore di Alessandro Magno, Demetrio, invase Rodi con un esercito di oltre 40.000 uomini. Il re di Rodi aveva fortificato la città con mura imponenti perciò per abbatterle Demetrio fece costruire una torre d'assedio di proporzioni immani. Presto, però, giunse la flotta degli alleati dei rodiesi difronte alla quale Demetrio si ritirò abbandonando quasi tutto l'equipaggiamento usato. 🏛️ Per celebrare la schiacciante vittoria si volle costruire una statua gigantesca in onore del dio Helio. Il progetto fu affidato all'allievo di Lisippo, Carete di Lindo.
Egli usò come impalcatura per il suo capolavoro proprio la torre di assedio abbandonata da Demetrio. La costruzione terminò nel 293 a.C dopo 12 anni di lavoro.
🏛️ Secondo le testimonianze di alcuni autori dell'epoca l'interno doveva era costituito da una struttura massiccia di pietra e un'intelaiatura ferro sulla quale erano agganciate piastre di bronzo che assumevano le fattezze del dio.
Plinio il Vecchio racconta che la statua ultimata era alta 70 cubiti, ossia 32 metri, pesava 600 tonnellate e raffigurava Apollo a braccia aperte.
🏛️ Narra che purtroppo durò solo 67 anni, perché un violento terremoto si abbatté su Rodi e la fece crollare, ma afferma che persino le rovine attiravano visitatori e lasciavano stupefatti chiunque le ammirasse.
🏛️ Un anonimo racconta che infine, quando vennero venduti i frammenti nel 600 d.C, l'uomo che li compró ebbe bisogno di 980 cammelli per portarli vi tutti.
__________
#oggisiamostorici#storia#memoria#passato#tuffonelpassato#sapere#curiosità#divulgazione#storico#history
#grecs#greci#antique#greek#greekmythology#grecia#rodi#colossodirodi#colossusofrhodes#mitologiagreca#anticagrecia#ancientgreece#greekart#greekhistory#rhodes

    TITOLO DAL POST: Il Sole di Rodi
    TEMA DEL POST: La 6° meraviglia, il Colosso di Rodi.
    TEMPO DI LETTURA: 1m 20s
    __________
    🏛️ Se si parla di grandi opere che sono divenute emblema di civiltà e di intere epoche, non si può non citare il Colosso di Rodi, un capolavoro annoverato anche tra le 7 meraviglie del mondo antico.
    🏛️ La sua storia cominciò più di 2.000 anni fa, più precisamente nell'anno 305 a.C quando il successore di Alessandro Magno, Demetrio, invase Rodi con un esercito di oltre 40.000 uomini. Il re di Rodi aveva fortificato la città con mura imponenti perciò per abbatterle Demetrio fece costruire una torre d'assedio di proporzioni immani. Presto, però, giunse la flotta degli alleati dei rodiesi difronte alla quale Demetrio si ritirò abbandonando quasi tutto l'equipaggiamento usato. 🏛️ Per celebrare la schiacciante vittoria si volle costruire una statua gigantesca in onore del dio Helio. Il progetto fu affidato all'allievo di Lisippo, Carete di Lindo.
    Egli usò come impalcatura per il suo capolavoro proprio la torre di assedio abbandonata da Demetrio. La costruzione terminò nel 293 a.C dopo 12 anni di lavoro.
    🏛️ Secondo le testimonianze di alcuni autori dell'epoca l'interno doveva era costituito da una struttura massiccia di pietra e un'intelaiatura ferro sulla quale erano agganciate piastre di bronzo che assumevano le fattezze del dio.
    Plinio il Vecchio racconta che la statua ultimata era alta 70 cubiti, ossia 32 metri, pesava 600 tonnellate e raffigurava Apollo a braccia aperte.
    🏛️ Narra che purtroppo durò solo 67 anni, perché un violento terremoto si abbatté su Rodi e la fece crollare, ma afferma che persino le rovine attiravano visitatori e lasciavano stupefatti chiunque le ammirasse.
    🏛️ Un anonimo racconta che infine, quando vennero venduti i frammenti nel 600 d.C, l'uomo che li compró ebbe bisogno di 980 cammelli per portarli vi tutti.
    __________
    #oggisiamostorici #storia #memoria #passato #tuffonelpassato #sapere #curiosità #divulgazione #storico #history
    #grecs #greci #antique #greek #greekmythology #grecia #rodi #colossodirodi #colossusofrhodes #mitologiagreca #anticagrecia #ancientgreece #greekart #greekhistory #rhodes

    59 0 16 June, 2019
    Questa non sono in molti a conoscerla.
Quando ero un bimbo, mia zia mi raccontava i più svariati miti greci al posto delle favole.
Da ragazzino, sulla base dei racconti infantili, avevo obbligato mio padre e mia madre a prendermi i fumetti dei miti greci narrati dall'immortale Luciano #decrescenzo ,
avevo anche le famose "cassette": stupende. Di tutti i racconti però ricorderò per sempre il mito di Efesto e della parte relativa alla costruzione del gigante Talo (Talos).
In particolare mi colpì una serie di vignette dove venivano citati dei "pirati sardi". Immaginatevi un ragazzino di 12 anni che trova una simile citazione in un fumetto: al tempo non avevamo ne internet ne wikipedia. Fino a che non sono diventato un poì più cresciutello non ho capito il perché di questa citazione. Ad un ragazzino di 12 anni a cui avevano sempre raccontato che i Sardi erano "solo" pastori, quelle quattro vignette aprirono uno spiraglio nella mente di quel ragazzetto. Ora, a venti anni di distanza mi sto laureando in archeologia preistorica, sono stato in inghilterra ad esporre le mie ricerche alla Newcastle University e ho scritto un libro su questi"misteriosi" guerrieri sardi di cui praticamente non si sapeva nulla.
Ringrazierò per sempre i miei genitori per avermi fatto leggere questi bellissimi "fumetti" (ora verrebbero chiamati "graphic novel"), e a mia zia per avermi raccontato di Ulisse, Calypso, Nettuno, oppure Ettore,  Achille, Menelao, Priamo.
"Narrami o musa..." ma questa è un'altra storia.

#sardinia #sardi #sherden #shardana #pirati #greci #mitigreci #miti #leggendedisardegna #leggende #sardegna #nuragici #nuragic #sardegnaofficial #sardegnagram #sardegna_earth #sardegna #bronzettisardi #bronzetti #nuragico #nuragicoemenevanto #srdn #shardan #sardinianwarrior #sardinianworld

    Questa non sono in molti a conoscerla.
    Quando ero un bimbo, mia zia mi raccontava i più svariati miti greci al posto delle favole.
    Da ragazzino, sulla base dei racconti infantili, avevo obbligato mio padre e mia madre a prendermi i fumetti dei miti greci narrati dall'immortale Luciano #decrescenzo ,
    avevo anche le famose "cassette": stupende. Di tutti i racconti però ricorderò per sempre il mito di Efesto e della parte relativa alla costruzione del gigante Talo (Talos).
    In particolare mi colpì una serie di vignette dove venivano citati dei "pirati sardi". Immaginatevi un ragazzino di 12 anni che trova una simile citazione in un fumetto: al tempo non avevamo ne internet ne wikipedia. Fino a che non sono diventato un poì più cresciutello non ho capito il perché di questa citazione. Ad un ragazzino di 12 anni a cui avevano sempre raccontato che i Sardi erano "solo" pastori, quelle quattro vignette aprirono uno spiraglio nella mente di quel ragazzetto. Ora, a venti anni di distanza mi sto laureando in archeologia preistorica, sono stato in inghilterra ad esporre le mie ricerche alla Newcastle University e ho scritto un libro su questi"misteriosi" guerrieri sardi di cui praticamente non si sapeva nulla.
    Ringrazierò per sempre i miei genitori per avermi fatto leggere questi bellissimi "fumetti" (ora verrebbero chiamati "graphic novel"), e a mia zia per avermi raccontato di Ulisse, Calypso, Nettuno, oppure Ettore, Achille, Menelao, Priamo.
    "Narrami o musa..." ma questa è un'altra storia.

    #sardinia #sardi #sherden #shardana #pirati #greci #mitigreci #miti #leggendedisardegna #leggende #sardegna #nuragici #nuragic #sardegnaofficial #sardegnagram #sardegna_earth #sardegna #bronzettisardi #bronzetti #nuragico #nuragicoemenevanto #srdn #shardan #sardinianwarrior #sardinianworld

    42 5 13 June, 2019
    Conosci te stesso. .
.
“Conosci te stesso”, una massima religiosa greca e riproposta anche dai romani.
L’importanza di conoscersi, del proprio ruolo e della propria dimensione. 
La necessità di dedicare tempo alla propria mente e al proprio spirito, di concedersi del tempo per farsi delle domande e per guardarsi dentro.
Queste esigenze c’erano in passato e quindi certi atteggiamenti virtuosi, propri dei greci, venivano incentivati anche dai romani che di natura avevano un approccio diverso.

Oggi è diverso, il “sii te stesso” è di complicata applicazione e spesso giudicato. L’omologazione nei comportamenti e nelle scelte è sempre più forte.

Ma prima di essere se stessi bisogna conoscersi, e per farlo c’è bisogno di  costanza, di tempo, di coraggio.
Spesso questo porta alla scoperta di aspetti che non conosciamo e che non ci piacciono, spesso questo fa molta paura.

E allora è meglio scappare, meglio non fare emergere le verità sommerse, meglio vivere secondo i canoni imposti da una società di massa e lasciare se stessi in fondo al proprio corpo.

Conosci te stesso, liberati!! .
#conoscitestesso #momentomori #greci #romani #roma #rome #termedidiocleziank #anima #arte #life #lifestyle #style #instagram #instagood #picoftheday #thefutureisunwritten #GiuThoughts

    Conosci te stesso. .
    .
    “Conosci te stesso”, una massima religiosa greca e riproposta anche dai romani.
    L’importanza di conoscersi, del proprio ruolo e della propria dimensione.
    La necessità di dedicare tempo alla propria mente e al proprio spirito, di concedersi del tempo per farsi delle domande e per guardarsi dentro.
    Queste esigenze c’erano in passato e quindi certi atteggiamenti virtuosi, propri dei greci, venivano incentivati anche dai romani che di natura avevano un approccio diverso.

    Oggi è diverso, il “sii te stesso” è di complicata applicazione e spesso giudicato. L’omologazione nei comportamenti e nelle scelte è sempre più forte.

    Ma prima di essere se stessi bisogna conoscersi, e per farlo c’è bisogno di costanza, di tempo, di coraggio.
    Spesso questo porta alla scoperta di aspetti che non conosciamo e che non ci piacciono, spesso questo fa molta paura.

    E allora è meglio scappare, meglio non fare emergere le verità sommerse, meglio vivere secondo i canoni imposti da una società di massa e lasciare se stessi in fondo al proprio corpo.

    Conosci te stesso, liberati!! .
    #conoscitestesso #momentomori #greci #romani #roma #rome #termedidiocleziank #anima #arte #life #lifestyle #style #instagram #instagood #picoftheday #thefutureisunwritten #GiuThoughts

    29 0 13 June, 2019
    Scorci di Grecia in Sicilia

    Scorci di Grecia in Sicilia

    64 1 12 June, 2019

Top #greci posts

    Chi ha dato Il nome ai pianeti e quando?
°
Abbiamo parlato di stelle, galassie.. E I pianeti?
°
Il nome pianeta viene dal greco "planetes", che significa " errante, vagante", proprio perchè i corpi celesti sembravano mutare posizione rispetto alle stelle fisse.
°
A dare il nome ai singoli pianeti furono i greci, che si ispirarono ai nomi e alle caratteristiche dei loro dei; anche se i nomi che sono giunti fino a noi sono dei corrispettivi dei romani. Consideriamo che già nel 3 sec. a.c. Aristarco di Samo sapeva che il sole fosse al centro del Sistema Solare, teoria che fu accettata 18 secoli dopo quando la ripropose il polacco Niccolò Copernico.
°
Ecco i pianeti elencati in ordine dal più vicino al sole fino al più lontano:
°
MERCURIO: il pianeta che si muove più velocemente, infatti ha il nome del rapidissimo messaggero degli dei con i calzari alati.
°
VENERE: il pianeta più luminoso di tutti, infatti ha il nome della Dea della bellezza, dell' amore.
°
TERRA: La parola viene dal latino “terra” che, a sua volta, deriva dal termine di origine indoeuropea "tersa", con il senso di parte secca, opposta alla parte acquea. Mondo deriva dal latino "mundus" che vuol dire ordinato.
°
MARTE: pianeta dal colore rossastro, infatti i greci gli diedero il nome del dio della guerra, spargitore di sangue.
°
GIOVE: il pianeta più grande del sistema solare, infatti fu intitolato a Giove, capo degli dei.
°
SATURNO: dato che era il pianeta più antico e lontano, lo chiamarono come il padre di Giove.
°
A quel tempo i pianeti Urano, Nettuno e Plutone non erano noti perché troppo lontani e visibili solo con strumenti ottici. Infatti furono scoperti successivamente e cioè nel 1781, nel 1846 e nel 1930. Ma vennero ugualmente battezzati con nomi tratti dalla mitologia greca per rispetto della tradizione.
°
Nel 2006, l’Unione Astronomica Internazionale, ha deciso di “declassare” Plutone a Pianeta Nano.
°
°
#ilsaporedelsapere #spazio #storia #space #astronomia #astronomy #spacex #pianeti #planets #stars #solarsystem #greci #mitologia #copernico #etimologia #errante #galassia #vialattea #marte #mars #pianetarosso #terra #gaia #mondo #tradizione

    Chi ha dato Il nome ai pianeti e quando?
    °
    Abbiamo parlato di stelle, galassie.. E I pianeti?
    °
    Il nome pianeta viene dal greco "planetes", che significa " errante, vagante", proprio perchè i corpi celesti sembravano mutare posizione rispetto alle stelle fisse.
    °
    A dare il nome ai singoli pianeti furono i greci, che si ispirarono ai nomi e alle caratteristiche dei loro dei; anche se i nomi che sono giunti fino a noi sono dei corrispettivi dei romani. Consideriamo che già nel 3 sec. a.c. Aristarco di Samo sapeva che il sole fosse al centro del Sistema Solare, teoria che fu accettata 18 secoli dopo quando la ripropose il polacco Niccolò Copernico.
    °
    Ecco i pianeti elencati in ordine dal più vicino al sole fino al più lontano:
    °
    MERCURIO: il pianeta che si muove più velocemente, infatti ha il nome del rapidissimo messaggero degli dei con i calzari alati.
    °
    VENERE: il pianeta più luminoso di tutti, infatti ha il nome della Dea della bellezza, dell' amore.
    °
    TERRA: La parola viene dal latino “terra” che, a sua volta, deriva dal termine di origine indoeuropea "tersa", con il senso di parte secca, opposta alla parte acquea. Mondo deriva dal latino "mundus" che vuol dire ordinato.
    °
    MARTE: pianeta dal colore rossastro, infatti i greci gli diedero il nome del dio della guerra, spargitore di sangue.
    °
    GIOVE: il pianeta più grande del sistema solare, infatti fu intitolato a Giove, capo degli dei.
    °
    SATURNO: dato che era il pianeta più antico e lontano, lo chiamarono come il padre di Giove.
    °
    A quel tempo i pianeti Urano, Nettuno e Plutone non erano noti perché troppo lontani e visibili solo con strumenti ottici. Infatti furono scoperti successivamente e cioè nel 1781, nel 1846 e nel 1930. Ma vennero ugualmente battezzati con nomi tratti dalla mitologia greca per rispetto della tradizione.
    °
    Nel 2006, l’Unione Astronomica Internazionale, ha deciso di “declassare” Plutone a Pianeta Nano.
    °
    °
    #ilsaporedelsapere #spazio #storia #space #astronomia #astronomy #spacex #pianeti #planets #stars #solarsystem #greci #mitologia #copernico #etimologia #errante #galassia #vialattea #marte #mars #pianetarosso #terra #gaia #mondo #tradizione

    432 7 7 June, 2019